Copiare il sistema tedesco di apprendistato (“Die Lehre”)

Lo avevamo anche noi e forse ne siamo stati gli inventori in qualche bottega del rinascimento: L’apprendistato. L’abbiamo perso in nome di chissà quale riforma all’indietro. Dobbiamo riattivarlo nella sua forma moderna di maggiore successo pratico: quella tedesca.
Nei paesi del Nord d’Europa, ma soprattutto in quelli di lingua tedesca ogni adolescente che esce dalla scuola dell’obbligo (ca. a 16 anni) e non vuole continuare ad andare a scuola viene “forzato” a trovare un posto di apprendistato, andando quindi a “imparare” un lavoro.

L’apprendistato dura dai 3 ai 4 anni, prevede ca. un 70% di pratica in azienda e un 30% di scuola, dove s’insegnano materie consone al lavoro scelto. Ad esempio per un lavoratore edile sono lezioni di materiali e metodi di lavoro moderno, misure di sicurezza, contabilità, capacità di scrivere un’offerta etc. e dopo vari test annuali si finisce con un esame di “maestranza”. Dopo averlo superato, si è assunti dalla ditta, dove è stato fatto l’apprendistato o si cerca un lavoro sul mercato.

In pratica tutti gli adolescenti in quei paesi imparano un mestiere in maniera professionale portando tramite la scuola nuove nozioni nella ditta in cui lavorano (creando un circolo virtuoso d’interdipendenza tra esperienza pratica e novità tecnologiche), non rimangono a casa e prendono una “paghetta”. La rimunerazione ha delle grandi differenze rispecchiando il mercato, più un lavoro è richiesto dal settore produttivo, più gli imprenditori pagano per assicurarsi in futuro mano d’opera all’altezza dei loro requisiti. Questo principio di mercato guida ovviamente anche le scelte degli apprendisti “in spe”, purificando col tempo il sistema da forme di lavoro morenti.

In uno studio del 2005 ad esempio un apprendistato in banca prevedeva un salario di 734 Euro (831 Euro al terzo e ultimo anno) mentre con un apprendistato nell’edilizia un adolescente prendeva 554 Euro al primo ma 1224 Euro all’ultimo anno. In media all’ultimo anno di apprendistato i salari erano di 800-900 Euro. 

 

 
FACEBOOK - GIGI SANNA PRESIDENTE