La politica non si fa per soldi!

La somma di tutte le indennità di un politico deve essere rapportabile al livello medio alto di chi è rappresentato.
Il salario deve rappresentare una minima parte della remunerazione perché le indennità presenza sono il riscontro finanziario del lavoro del rappresentante.

I rimborsi per le spese sono assolutamente e solo accettabili se riconducibili direttamente alla sua attività politica e sempre se provati da ricevute. Esistono regolamenti in merito molto virtuosi in altre nazioni che si possono applicare immediatamente.

Il politico non ha nessun privilegio particolare (pensioni, auto, sconti). È solo un “primus inter pares”.

 

 
FACEBOOK - GIGI SANNA PRESIDENTE