I cinquantamila di Videolina? No grazie! I cento di Abbasanta!

Come, come? E' stato dato il comunicato che io sarò domani a Videolina? Forse non sono stato chiaro? Non andrò più a nessuna trasmissione televisiva! Il mio sito i signori dell'informazione non lo leggono? Neanche se mi dessero due giornate consecutive di televisione, con microfono ad oltranza, riuscirei a colmare il quasi mese e mezzo di silenzio rispetto al frastuono e alla tempesta mediatica, diretta e indiretta, costruiti sui vincitori acclamati già dal primo minuto.

 

Fatemi un favore operatori di Videolina: mandate avanti la trasmissione e quella sedia inquadratela e lasciatela vuota per un'ora. Anthoni Muroni e i giornalisti le domande le facciano a quella sedia sempre vuota come le hanno fatte per 35 giorni. 


Io sarò ad Abbasanta, il luogo dove sono nato e che rispetto più di qualsiasi cosa al mondo. Lì da tempo è stata preparata da Alessandro Mestroni una conferenza. Lì parlerò, sia per rispetto della mia gente sia per protesta in nome di una più vasta GENTE CHE AVREBBE AVUTO TUTTO IL DIRITTO DI CONOSCERMI sin dai primi istanti. 


Quella che in parte mi ha conosciuto a Santa Giusta, a Budoni, A Dorgali, a Galtellì e mi conoscerà, salute permettendo, in tutti gli altri luoghi della Sardegna dove sono stato invitato . E parlerò di quello che Anthoni Muroni (persona che peraltro stimo moltissimo per quello che scrive) avrebbe voluto sapere: di Zona Franca materiale e spirituale, di trasporti, di turismo, di cultura, di scuola, di lingua sarda, e di quant'altro. E parlerò anche di informazione democratica giornalistica e televisiva. Sperando di fornire anche i dati scientifici.

FACEBOOK - GIGI SANNA PRESIDENTE